“Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati”

Domenica si celebra la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati. Questo il tema scelto da papa Francesco nel suo Messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2018, che si celebrerà il prossimo 14 gennaio. Visti umanitari, ricongiungimenti familiari, prima sistemazione decorosa, libertà di movimento: il Papa raccomanda quattro “azioni”.

Ogni forestiero che bussa alla nostra porta è un’occasione di incontro con Gesù Cristo, il quale si identifica con lo straniero accolto o rifiutato di ogni epoca (cfr Mt 25,35.43). Il Signore affida all’amore materno della Chiesa ogni essere umano costretto a lasciare la propria patria alla ricerca di un futuro migliore. Tale sollecitudine deve esprimersi concretamente in ogni tappa dell’esperienza migratoria: dalla partenza al viaggio, dall’arrivo al ritorno. E’ una grande responsabilità che la Chiesa intende condividere con tutti i credenti e gli uomini e le donne di buona volontà, i quali sono chiamati a rispondere alle numerose sfide poste dalle migrazioni contemporanee con generosità, alacrità, saggezza e lungimiranza, ciascuno secondo le proprie possibilità.

Anche il messaggio per la Giornata mondiale per la pace appena trascorsa ci invitava “con spirito di misericordia” ad abbracciare “tutti coloro che fuggono dalla guerra e dalla fame o che sono costretti a lasciare le loro terre a causa di discriminazioni, persecuzioni, povertà e degrado ambientale”. Riproponiamo qui di seguito il percorso di lettura realizzato per l’occasione.

 

Migranti e rifugiati: uomini e donne in cerca di pace – Percorso di lettura