Piersanti Mattarella (Giovanni Grasso, San Paolo, 2014)

Ogni venerdì una recensione a cura di Rebeccalibri

L’assassinio di Piersanti Mattarella, l’allora presidente della Regione Sicilia il 6 gennaio di 40 anni fa, rappresenta una data chiave nella storia italiana e della lotta  alla mafia in Sicilia. Non solo per la lunga teoria di omicidi che seguirono questo (Gaetano Costa, Rocco Chinnici, Carlo Alberto Dalla Chiesa) e decapitarono i vertici delle istituzioni, ma perché rendeva dolorosamente evidente la solitudine di molti che, opponendosi all’intreccio tra mafia e politica, volevano impedire la capitolazione dello Stato.