Rubbettino, spiritualità e promozione umana in cammino parallelo.

E-state oltre! Riscopriamo le collane degli editori Rebeccalibri

La Casa Editrice Rubbettino nasce nel 1972 a Soveria Mannelli, in Calabria, prendendo il nome del suo fondatore, Rosario Rubbettino. Il primo nucleo aziendale era costituito inizialmente da una tipografia e da una piccola casa editrice. La produzione editoriale è diventata sempre più intensa, imponendosi come punto di riferimento sui temi dell’economia, della politica e delle scienze sociali e manifestando la propria capacità di fare rete, unendo studiosi, docenti universitari, fondazioni, enti, politici, tutti accomunati dal desiderio di approfondire e divulgare i temi e le policy del liberalismo all’interno del mondo politico, dell’accademia e della società, attraverso una ricca produzione di saggistica.

Ci si chiederà il nesso tra la vocazione socio politica ed economica e il tema religioso. In una intervista che Florindo Rubbettino, Presidente della casa editrice calabrese, rilasciò a Rebeccalibri nel 2016 (Pensare i/n libri nr. 83), è felicemente riassunto l’atteggiamento di trasversalità che caratterizza Rubbettino : <<lo sguardo religioso attraversa, in un modo o nell’altro, tutta la nostra offerta culturale in quanto caratteristica di quell’umanesimo di cui come italiani siamo portatori sani, attivi e consapevoli. Qui trovano spazio sia la presunta omogeneità, sia un auspicabile pluralismo. Per parafrasare il nome di una nostra collana, riteniamo che “spiritualità e promozione umana” camminino in parallelo, nel grande sforzo di edificare quella “rocca” di cui parlava T.S. Eliot, un cuore duro di valori e principi cui affidare le nostre esistenze personali e il destino della nostra civiltà>>.

Il lettore potrà trovare tali spunti di riflessione nella collana scelta, “Problemi aperti“, come nelle numerose altre proposte nella banca dati Rebeccalibri. La versione digitale non solo è disponibile per  buona parte dei titoli, ma sui titoli meno recenti è la sola versione presente. Alcuni titoli sono dotati di bollino LIA (per l’accesso ai prodotti editoriali di tutte le categorie deboli).