Social è anche cultura

Il metodo TwLetteratura, social reading per promuovere la lettura

Il metodo TwLetteratura è uno degli strumenti di educazione civica digitale inserito dal MIUR nel progetto Generazioni Connesse ed è stato riconosciuto dalla Commissione Europea come una delle 15 buone pratiche per la promozione della lettura in ambito digitale.

TwLetteratura è il nome del metodo con cui, sfruttando le potenzialità di comunicazione diretta e interazione offerte dai social network, viene proposta la lettura di opere della letteratura, delle arti e della cultura e la loro divulgazione. Questa metodologia è stata sperimentata a partire da gennaio 2012 e nel corso degli anni ha visto crescere una comunità vasta e fidelizzata di diverse migliaia di appassionati e alcune centinaia di “riscrittori” regolari.

La comunità sceglie un libro, lo legge e lo commenta – un capitolo alla volta, in base a un calendario condiviso – “riscrivendolo” sulla app utilizzata da TwLetteratura per il social reading (Betwyll), oppure su Twitter. Ciascun utente propone la propria lettura in forma sintetica (twyll e/o tweet), per esempio con parafrasi, variazioni, commenti, libere interpretazioni del testo di partenza.

Il metodo TwLetteratura si presta ad essere utilizzato anche in chiave didattica, non in sostituzione ma a supporto di approcci più tradizionali, per perseguire tre obiettivi:

  • educare alla pratica della lettura e stimolare l’amore per i libri, le opere d’arte e la cultura;
  • insegnare le regole della scrittura sintetica;
  • educare all’uso consapevole delle nuove tecnologie e delle reti sociali online

Certamente l’uso di questo metodo è prevalentemente letterario, tuttavia può applicarsi anche ad altri ambiti, come l’analisi iconografica, l’ascolto di un’opera musicale, la lettura di un film e, più in generale, la decodifica dei prodotti culturali, anche turistici.

Non solo! TwLetteratura è protagonista del progetto #Ventotene. Comunità, cittadinanza e identità europea, social reading dedicato alla lettura e al commento del Manifesto di Ventotene, tra i 16 vincitori del Premio Spinelli 2019, il riconoscimento che la Commissione Europea conferisce a iniziative che promuovono la conoscenza dell’Unione Europea come progetto di integrazione e i suoi valori, in particolare tra i giovani.