Verso “Più libri più liberi” con il mercato in crescita

Qualche numero della piccola e media editoria

A Più libri più liberi dal 4 all’8 dicembre alla Nuvola all’Eur di Roma, la piccola e media editoria si affaccia con meno editori, ma con una crescita delle quote di mercato. Nel 2020 il numero di medi e piccoli editori si attesta a 4.748, con un -2,2% rispetto all’anno precedente. Significativo il calo degli editori che pubblicano tra 61 e 100 titoli l’anno: sono 116, con un -14,7% sempre rispetto al 2019.

Non si arresta, tuttavia, la quota di mercato, anzi: il venduto a prezzo di copertina della piccola e media editoria nei canali trade è pari al 42%, in lento ma costante aumento rispetto al 39,8% del 2017.

La piccola e media editoria in Italia dà lavoro a 8.590 persone, senza contare i collaboratori e i consulenti, e il valore del venduto a prezzi di copertina nei canali trade ha superato per la prima volta nel 2020 quota 600 milioni (600,6, in crescita dello 0,9% rispetto all’anno precedente).

Questa è la sintesi con cui AIE ha salutato il ritorno in presenza di Più libri più liberi.