Donizetti Tavares de Lima

Nuovo Beato, vicino agli ultimi

Il sacerdote brasiliano (1882-1961) è stato beatificato lo scorso 23 novembre a Tambaú, nello stato di São Paulo in Brasile, città dove morì ed è sepolto, ma soprattutto dove operò come parroco, sempre a fianco della gente, con la quale condivideva i problemi, lottando contro ogni discriminazione sociale e razziale.

“Profondo conoscitore delle encicliche sociali del Papa Leone XIII, fu un anticipatore dei diritti dell’uomo, contro la sfrenata corsa imposta dagli interessi economici, che schiacciano la persona umana. Dimostrò indomito coraggio nella difesa della giustizia sociale, difese i poveri, gli ammalati e gli operai, e denunciò senza paura i soprusi e le irregolarità che avvenivano nella società; al tempo stesso cercava di mettere accordo tra le parti sociali in conflitto. Sfidando contrarietà e persecuzioni, talvolta anche a rischio della vita, predicava apertamente in difesa degli indigenti, come pure per l’abolizione della schiavitù e la promozione umana e cristiana degli emarginati.” (dall’Omelia pubblicata su l’Osservatore Romano, pronunciata dal cardinale prefetto della Congregazione delle cause dei santi nella mattina di sabato 23 novembre a Tambaú,  in rappresentanza di Papa Francesco).

Rebeccalibri propone due volumi, di cui una sua biografia e un commento della figura di Pietro ad opera del sacerdote stesso.