Le farfalle non muoiono in cielo (Barbara Schiavulli, la meridiana 2011)

Ogni sabato un libro da riscoprire a cura di Rebeccalibri

Lui vide quello che non aveva notato prima, la chiusura a lampo del giubbotto che le stringeva il collo. La prese per le spalle e sentì sotto le dita lo spessore delle cinghie. Fece scivolare una mano e sentì i panetti dell’ esplosivo.

<<Questo libro è dedicato ad Arin Ahmed rinchiusa in un carcere israeliano. Ho preso in prestito il suo nome per raccontare una storia simile alla sua. Ma anche a quella di migliaia di ragazzi palestinesi e israeliani. Arin, che ha deciso di farsi esplodere, si è tirata indietro all’ultimo momento. Forse, all’improvviso, ha scoperto che, se c’è una ragione per morire per Gerusalemme, ce ne deve essere anche una per vivere. È dedicato anche a quelle centinaia di soldati israeliani detenuti per essersi rifiutati di svolgere il servizio militare nei Territori ri-Occupati. E alla promessa di fare di questo meraviglioso paese una terra senza guerra>> (Barbara Schiavulli).